Sergio – Una passione in bianco e nero

Sergio – Una passione in bianco e nero

Sergio è un musicista. Un pianista in particolare. Oggi gira per i teatri del tutto il mondo con la sua musica. La dolce sensazione dei tasti rigidi sotto le dita e il calore del pubblico sono sensazioni a cui ormai si è abituato, sebbene ogni volta è un’emozione diversa.
Ma non è sempre stato così. Ci sono voluti molti anni e molta fatica per arrivare a questo punto.
Il primo incontro con questo strumento Sergio se la ricorda per bene. In realtà avevano sempre avuto in casa questo strumento ma lui, forse perché troppo piccolo, sembrava non essersi mai accorto di quella presenza.
Fino a quella notte. All’epoca aveva circa quattro anni e si era svegliato a causa di un brutto sogno. Ma quando stava già per chiamare la sua mamma aveva sentito quella musica meravigliosa e, come in trance, l’aveva seguita.
Arrivato in sala vide che la sua mamma stava suonando quella melodia meravigliosa: l’incubo ormai era solo un ricordo perché tutto quello che in quel momento lo attraeva erano le note che arrivavano sincopate da quel pianoforte.
Sua madre era completamente assorta dal brano e si accorse di lui solo quando ebbe finito di suonare. Uno sguardo e la donna capì: suo figlio sarebbe diventato un grande pianista.
Da quel momento cominciò ad insegnargli tutti i segreti di quel meraviglioso e antichissimo strumento.
Quando Sergio fu abbastanza grande cominciò a studiare con i migliori insegnanti e, ben presto, capì che sarebbe stata una strada molto tortuosa e complessa da intraprendere.
Ore ed ore di studio della teoria della musica e altrettante ore sulla tastiera ad esercitarsi, perché la perfezione è un traguardo difficile da raggiungere.
Ma quella gioia che solo un pianoforte sapeva donargli valeva tutta la fatica e tutti i sacrifici.
Oggi Sergio è un grande pianista ma non dimentica la fatica di quegli anni e l’esercizio continuo che la sua professione gli richiede.
Mi ha chiesto di realizzare per lui un portachiavi con una scala che ha però i gradini in bianco e nero, come i tasti di quel pianoforte che lo hanno portato in vetta.

 

Hai anche tu un’ EXPERIENCE da raccontare e vuoi trasformarla in un gioiello personalizzato? Clicca qui e racconta a Claudio la tua storia.

No Comments

Post A Comment